[Motocivismo] Abbigliamento protettivo o vessazione?

Matteo Tamagni matteotama at hotmail.it
Fri Apr 23 15:45:00 CEST 2010


Buongiorno, già qualche settimana fa ho scritto sul sito del senatore Filippi, come tanti altri, per criticare l'emendamento relativo alle protezioni obbligatorie per noi motociclisti. Fra le mail di risposta è arrivata anche questa in cui il senatore scrive "L'emendamento ha trovato anche la condivisione della Federazione Motociclisti Italiani", affermazione fatta anche in una risposta precedente.
Voi avete invece diramato in questi giorni un comunicato in cui vi dite contrari all'iniziativa.

Ci vorrebbe chiarezza, confermate che quello che dice Filippi non risponde a verità? Nel caso dovreste farglielo notare.

grazie
Matteo Tamagni

To: matteotama at hotmail.it
Subject: PublishedComment:egregio Fulvio De Santis, has been published
Date: Tue, 13 Apr 2010 18:18:45 +0200
From: paolo at marcofilippi.eu

The following comment has been published 
from http://www.marcofilippi.eu/web2:
Name: Marco Filippi
Title: egregio Fulvio De Santis,
Text: egregio Fulvio De Santis,
mi consenta qualche breve ma doverosa precisazione :
non si tratta di nessun disegno di legge, ma semplicemente di un emendamento che ha preso spunto dalla semplice constatazione dei numerosissimi motociclisti e ciclomotoristi incidentati che ogni anno rimangono vittime o gravemente menomati sulle strade italiane.
Insieme ai ciclisti e ai pedoni sono definiti gli utenti deboli della strada proprio perchè costituiscono grosso modo oltre la metà delle vittime che ogni anno vengono registrate da carabinieri e polizia stradale.
Sono migliaia i morti e decine di migliaia i feriti gravi e invalidi permanenti!!!
Persone per lo più giovani e giovanissime con conseguenti famiglie distrutte!
L\\\'emendamento ha trovato anche la condivisione della Federazione Motociclisti Italiani e prende anche spunto dalle normative consigliate in sede Europea.
Disposizioni ad oggi solo consigliate e che poi ogni stato è libero di tradurre in norma più o meno cogente.
Viste le reazioni suscitate e conseguentemente anche il dietro front delle forze politiche di maggioranza, fin troppo suscettibili a problemi di consenso anche quando si tratta di vite umane, l\\\'emendamento non passerà e quindi potrà essere tranquillo.
Forse lo saranno meno quelle persone e quelle famiglie che avrebbero  potute essere risparmiate da mutilazioni e ferite.
Con ciò non nego una eccessiva rigida prescrizione dell\\\'emendamento e molte delle osservazioni pervenute dimostrano una effettiva maggiore ragionevolezza  che potrebbe essere introdotta.
Per esempio più che per la potenza è più corretta una distinzione per la velocità del motociclo o una distinzione tra ambito urbano e extraurbano (segnalo però che i maggiori incidenti anche quelli mortali si registrano proprio in ambito urbano) o ancora sui tempi di percorrenza distinguendo brevi tragitti da quelli più lunghi (anche se ciò mi sembra impraticabile come possibilità di accertamento e anche di discutibile senso)
O ancora sulla selezione delle misure protettive da rendere effettivamente obbligatorie (per esempio si a paraschiena per un dato livello di velocità che può essere raggiunto no a giacca , guanti e protezioni ai pantaloni)
Con ciò credo che nella legge che andremo ad approvare in Senato nelle prossime settimane la norma non sarà contenuta in alcun modo.
Non credo sia però una buona notizia...
Con rispetto
Marco Filippi
Content item: http://www.marcofilippi.eu/web2/index.php?option=com_content&view=article&id=193&Itemid=109&joscclean=1&comment_id=90#josc90
Please do not respond to this message as it is automatically generated and is for information purposes only.
 		 	   		  
_________________________________________________________________
Emoticon, scene, sfondi... Personalizza Messenger e il tuo PC!
http://www.pimpit.it/windowslive.html
-------------- next part --------------
An HTML attachment was scrubbed...
URL: <http://atrent.it/pipermail/motocivismo/attachments/20100423/f543aeef/attachment.html>


More information about the motocivismo mailing list