Date un occhio anche ad altri posti dove posto:


Atrent's Blog

DigiChampion@Novate

search?q=&btnI=lucky


Sono recentemente stato nominato Digital Champion per il Comune di Novate (MI).

Dato che prendo seriamente il compito di stimolare e se possibile facilitare il processo di digitalizzazione della P.A. ho contattato il Comune per chiedere un incontro.

Ho incontrato la dott.ssa Lesmo (Assessore alla Promozione Sociale e Partecipazione) e il suo collega Ricci (Assessore alla Cultura), il colloquio è stato molto proficuo. Temevo mi avrebbero visto come l'ennesima “iena” che voleva far saltar fuori magagne, ma ho subito chiarito che il nostro ruolo è solo quello di osservatori (i.e., segnalatori di eventi positivi) e facilitatori (ove possibile).

Mi hanno raccontato che hanno in cantiere un processo (perfino audace) di modernizzazione e accessibilità digitale dei loro sistemi, hanno preparato un documento (una dichiarazione di intenti con ottimi spunti e attenzione al software libero e all'opendata) che mi hanno inviato, ho risposto loro con alcuni commenti e con la mia disponibilità a fornire sia consigli (un po' di esperienza la posso vantare) sia a “fare rete” (tramite la rete DigiChampions che tramite rete personale).

Siamo rimasti che seguiranno altri incontri con il loro personale più tecnico e con la giunta.

Stay tuned.


2015/06/13 11:22 · atrent

WiFi obbligatorio + Ungheria...

search?q=&btnI=lucky


In questi giorni ho letto due notizie che mi hanno fatto pensare:

Non e' che poi a “Renzie” gli viene in mente di mettere insieme le due cose?


2014/10/27 17:34 · atrent

Sibilia (M5S)

search?q=&btnI=lucky


Bello (?!?), onesto (!?!), immigrato in parlamento (#sibilia) sposerebbe Luna illibata…


2014/07/22 10:03 · atrent

We are doomed

search?q=&btnI=lucky

Non ce la possiamo fare…

doomed

2014/05/08 17:06 · atrent

"Entro 48 ore"

search?q=&btnI=lucky

Il collega Ziccardi mi ha recentemente mandato un libro che ha da poco dato alle stampe, si intitola “Entro 48 ore” (ed. Marsilio 2014). Titolo evocativo ed azzeccato. Il sottotitolo - “Un'esperienza di downshifting tecnologico” - contestualizza bene il testo.

E' un saggio, il racconto di un'esperienza che l'autore ha portato avanti di recente per confinare l'influsso a volte nefasto delle tecnologie nella propria vita quotidiana.

Colgo un certo grado di sincronicità nel fatto che anche io di recente ho dato un taglio all'invadenza della tecnologia nella mia vita, banalmente disattivando ogni tipo di notifica da parte dei social network e ogni avviso “push” sul cellulare: per vedere “se c'è roba” devo farlo esplicitamente e mi sono felicemente scoperto non dipendente dal flusso di notizie.

Ziccardi descrive l'esperimento di cui si è fatto cavia e gli effetti che ne sono scaturiti. L'esperimento in fondo era relativamente banale: allentare l'interazione tra sé stesso e le continue interruzioni da parte delle mail, dei commenti ai post sui social network, delle risposte su twitter, etc. Rallentare i tempi, passare dall'ordine di grandezza dei minuti a quello delle ore o anche dei giorni. Annotando quali effetti si potevano osservare sugli interlocutori (che non avrebbero ricevuto feedback immediati) o su se stesso (ansia da risposta). Il risultato è ovviamente positivo, il messaggio che se ne trae è che è possibile riappropriarsi di parecchie esperienze interessanti senza per questo perdersi alcunché dal cyberspace (o “ciberspazio” come dice Zic).

Tutto ciò senza luddismo, anzi, con perfetta consapevolezza dell'utilità, della bellezza e della necessità delle tecnologie. Combinata con la rinnovata volontà di assaporare con la dovuta concentrazione musica, film, libri… senza interruzioni.

Piacevole quasi-diario, con citazioni “expected” (metodologia Getting Things Done e Inbox-Zero), che vi spiegherà, se ne avete bisogno, come provare, almeno per un periodo, a confinare nel tempo e nello spazio gli “interrupt” tecnologici che portano via risorse…

Nel libro non c'è questa immagine:

i.imgur.com_sadz63y.jpg

Ma il concetto è sottinteso ad ogni piè sospinto ;-)

Leggetelo, magari spegnendo prima il PC o silenziando il telefono, ci metterete al massimo una giornata e proverete anche voi l'ebrezza della concentrazione.

2014/03/04 14:21 · atrent